DiSTA, Dipartimento Scienze e Tecnologie Agroambientali

Area di Entomologia "G. Grandi"

FACOLTA' DI AGRARIA UNIVERSITA' DI BOLOGNA

Gli insetti delle piante forestali e inurbate
Piero Baronio

Faggio





Indice degli alberi


Home Entomologia

Faleana brumale del Faggio
Operophtera fagata Scharfenberg (Lepidoptera Geometridae)

Sintomi - Foglie con erosioni che risparmiano solamente la nervatura centrale.
Descrizione
Adulti: con spiccato dimorfismo sessuale. I maschi, che raggiungono un'apertura alare di 30-40 mm, hanno il corpo marrone e le ali anteriori dello stesso colore con numerose bande nere ad andamento antero posteriore, ma non troppo marcate, mentre le ali posteriori sono bianco cremeo con accennata una fascia trasversa bruna. Le femmine, brachittere, sempre di colore marrone con le ali mesotoraciche munite di una banda trasversale più scura, l'apertura alare è ridotta a 5 mm.
Larve: di aspetto sfilato sono di colore verde-giallastro con dorso più scuro percorso da linee longitudinali biancastre e lati giallastri. La testa e le zampe sono nere. Il bruco maturo raggiunge una lunghezza di 25 mm.
Biologia - Compie una generazione all'anno. Gli adulti compaiono verso la fine di ottobre e l'inizio di novembre e le femmine si arrampicano sul tronco fino alla chioma dove, dopo essere state inseminate, depongono le uova, fino a 300 unità per ciascuna, a gruppi sulla cima dei rami più grossi, nascondendole fra i licheni. Le uova svernano e le larve sgusciano a partire da aprile e si ritrovano per tutto giugno. Giunte a maturità queste si interrano e di seguito si incrisalidano passando così l’intera estate.
Periodo di dannosità - Da aprile a giugno.
Tecnica di risanamento - Applicazioni di Bacillus thuringiensis var. kurstaki contro le larve giovani.

O. fagata AdultoO. fagata larva