DiSTA, Dipartimento Scienze e Tecnologie Agroambientali

Area di Entomologia "G. Grandi"

FACOLTA' DI AGRARIA UNIVERSITA' DI BOLOGNA

Gli insetti delle piante forestali e inurbate
Piero Baronio

Olmo


Indice degli alberi


Home Entomologia

Galerucella dall'Olmo
Galerucella luteola Muller (Coleoptera Chrysomelidae)

Sintomi - Foglie bucherellate e/o scheletrizzate.
Descrizione
Adulti: corpo di forma stretta ed allungata, di colore giallo ocra tendente al verdiccio ricoperto di radi peli. Capo giallastro, con una macchia triangolare ed antenne nere. Elitre con ai lati una larga fascia nera longitudinale. Lunghezza del corpo da 6 a 8 mm
Larve: di colore verde od olivastro con sul dorso quattro fasce gialle longitudinali e numerose setole; a maturità le larve sono lunghe 9 mm.
Biologia - Compie due generazioni all'anno e trascorre l'inverno come adulto riparato, in genere, nel terreno ai piedi della pianta e nelle anfrattuosità della corteccia. Da questi ricoveri gli adulti fuoriescono nella prima metà di aprile e raggiungono le foglie, di cui si nutrono bucherellandole. Sulla pagina inferiore di queste avviene l’ovodeposizione che si protrae per circa un mese e le uova sono sistemate in gruppi di 10-30 elementi. In breve tempo nascono le larve che giungono a maturità entro 15-20 giorni durante i quali si nutrono scheletrizzando le foglie, di cui lasciano intatte le nervature e l'epidermide superiore. L'impupamento avviene, in genere, nel terreno, sotto foglie o detriti, ma può aver luogo anche entro fori e screpolature della corteccia. Gli adulti cominciano a sfarfallare in giugno, con un picco verso la fine del mese e gli inizi di luglio e danno luogo ad una seconda generazione che si conclude a partire dall'ultima metà di agosto con la comparsa degli individui svernanti. Questi ultimi, dopo un periodo di attività trofica, si portano, a cominciare da circa la metà di settembre, negli ibernacoli.
Periodo di dannosità - Questo insetto, in seguito al sovrapporsi delle due generazioni dovuto al lungo periodo di ovideposizione, danneggia la pianta dalla prima metà di aprile fino a settembre quando gli adulti, che vanno ad ibernare, cessano di nutrirsi.
Tecniche di risanamento - In ambiente urbano si può fare ricorso alla distribuzione di Piretroidi quando il 25% delle foglie risultano danneggiate. onontro le larve giovani si può intervenire con Bacillus thuringiensis var. tenebrionis.

G. luteola adultoG. luteola ovaturaG. luteola larva