Zanzara Tigre
Aedes albopictus (Skuse) (Diptera: Culicidae)

A cura di Romeo Bellini rbellini@caa.it & Marco Carrieri mcarrieri@caa.it

Centro Agricoltura e Ambiente di Crevalcore ent.med@caa.it

Logoent.JPG (39884 byte) Home page entomologia

Diffusione mondiale e in Italia

Aedes albopictus è specie di origine asiatica, descritta per la prima volta da Skuse nel 1894, fa parte del sottogenere Stegomyia, gruppo Scutellaris, sottogruppo Albopictus.

Negli ultimi decenni l’evoluzione dei trasporti e l’incremento degli scambi internazionali ha permesso a molti organismi di superare le barriere geografiche e di diffondersi in nuovi territori. Tra questi organismi quelli che incutono maggiore timore, soprattutto in considerazione dell’evoluzione climatica in atto, sono senza dubbio gli insetti capaci di veicolare malattie.

Da metà degli anni ottanta il commercio internazionale di pneumatici usati contenenti al loro interno le uova di Ae.albopictus, ha determinato la rapida diffusione della specie, originariamente distribuita dal Giappone al Madagascar, in vari continenti: America (USA, Messico, Rep.Dominicana, Brasile, Argentina), Africa (Nigeria) ed Europa (Albania 1987, Italia 1990 e Francia 2000).

In Italia è stata segnalata per la prima volta a Genova nel 1990.

L’assenza di una normativa specifica inerente il commercio nazionale e internazionale dei pneumatici usati ha contribuito alla progressiva estensione dell’areale che nel 2000 ha interessato 10 Regioni e oltre 100 centri urbani perlopiù nel Nord e Centro Italia.

Le Regioni più colpite sono il Veneto, la Liguria e la Lombardia. A minor livello d’infestazione appaiono al momento Piemonte, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia-Giulia e Toscana (oltre alle regioni meridionali).

Nel 1999 è stato segnalato un grande focolaio nell’area urbana di Roma e nel 2000 pressoché tutta la città e l’hinterland sono stati colonizzati. Nel 2000 la specie è stata rilevata anche a Bologna e nell’area urbana di Torino.

Dal 1994 al 1996 è stato realizzato lo studio della struttura genetica, condotto attraverso l’analisi elettroforetica, delle popolazioni italiane di Ae.albopictus. (18 ceppi raccolti nelle regioni centro settentrionali) in comparazione con popolazioni degli USA (2 ceppi), del Giappone (4 ceppi)e dell’Indonesia (4 ceppi). La ricerca ha evidenziato un’alta affinità genetica tra le popolazioni italiane e quelle degli Stati Uniti e del Giappone. In effetti dal 1989 al 1994 la maggior parte di pneumatici usati sono stati introdotti in Italia proprio dal Giappone e dagli Stati Uniti. Inoltre dallo studio si evidenzia che in Italia la colonizzazione è avvenuta probabilmente attraverso ripetute introduzioni di un elevato numero di individui (Urbanelli et al. 1999).

  Logoent.JPG (39884 byte) Home page entomologia